Testimonianze - Pagina 2

 

Parlava sempre sottovoce, era elegante nei gesti, sembrava fragilissimo. Invece in quel corpo così esile all’apparenza c’erano tanta energia, tanta determinazione e tanto coraggio da far paura. E soprattutto in qual corpo batteva un cuore grande così. C’eravamo conosciuti tanti anni fa in Laos quando Padre Giovanni reggeva la missione cattolica di Luang Prabang. Fra noi nacque, alimentata da una profonda stima, un’autentica amicizia mai scalfita né dal tempo, né dagli eventi. Autentico difensor fidei, padre Giovanni Galperti, fu fra gli ultimi a lasciare il Laos dopo la conquista del potere da parte dei Patet Lao. In Indocina lasciò un pezzo del suo cuore. Né i successivi impegni in Africa ed a Lourdes riuscirono a placare la nostalgia per l’Estremo Oriente. Ci ha lasciati con la stessa eleganza con la quale ci ha sempre affascinati.

Giors Oneto